Skip to main content

Le Mostre Virtuali propongono percorsi espositivi digitali di mostre fisiche già realizzate o di mostre progettate direttamente on-line. L'obiettivo è la valorizzazione del patrimonio culturale e delle collezioni digitali dell'Università di Bologna, alcune delle quali sono raccolte in Digital Library  FICLIT. Le mostre sono realizzate da docenti, ricercatori e studenti del Dipartimento di Filologia classica e Italianistica e, grazie alle diverse possibilità di fruizione, si rivolgono sia ad un pubblico di specialisti, sia a curiosi o appassionati.

Monsieur Giuseppe Raimondi tra Bologna e la Francia

La mostra espone alcuni dei documenti originali più interessanti (lettere, cartoline, disegni, fotografie, opuscoli) presenti nel Fondo archivistico di Giuseppe Raimondi (Bologna, 1898 – 1985) conservato presso la Biblioteca umanistica “E. Raimondi” dell’Università di Bologna. L’obiettivo della mostra – finanziata dalla Fondazione Carisbo attraverso il bando “Riscopriamo la città” 2019 – è riportare l’attenzione su una figura appartata ma in realtà centrale per la cultura bolognese e nazionale del XX secolo, in grado di intercettare le più rilevanti tendenze artistiche e letterarie nel panorama europeo tra le due guerre mondiali.

Alfonso Traina: un filologo e le sue carte

Alfonso Traina (24 giugno 1925-18 settembre 2019) è stato uno dei più grandi latinisti al mondo e un maestro per generazioni di studenti all’Università di Padova prima e di Bologna poi. Accanto ai suoi scritti, Traina ha lasciato all’Università la sua biblioteca, costituita da numerosi libri antichi, oltre che da libri scientifici moderni e un consistente archivio di carte, che comprende schede di lavoro, corrispondenza, copie annotate e aggiornate dei suoi scritti. Con un percorso tra questi preziosi materiali, la mostra virtuale offre un primo contributo per comprendere meglio il lascito culturale del grande latinista dell’Alma Mater.

Doni di libri

Molte sono le tracce dei doni di libri che il professor Andrea Battistini (1947-2020), ordinario di Letteratura italiana all’Alma Mater per oltre trent’anni, destinò sia al proprio maestro, l’italianista Ezio Raimondi, sia alle due Biblioteche umanistiche e letterarie dell’Università di Bologna, dal 2021 fuse nella nuova Biblioteca Umanistica “E. Raimondi” di Bologna. Scorrere le biblioteche personali di Raimondi e di Battistini ha reso possibile ritrovare i volumi donati e, con essi, note manoscritte di dedica che accompagnavano i doni. Riaffiorano così i sentieri critici ed ermeneutici percorsi da Battistini, ma anche le emozioni e i sentimenti, capaci di disvelare un tratto poco conosciuto della sua personalità.

Il libero ospedale di Maggiano. La psichiatria fenomenologica di Mario Tobino

La mostra virtuale propone un percorso cronologico e tematico sulla riflessione psichiatrica e letteraria di Mario Tobino (1910-1991), all'interno della storia dell'Ospedale di Maggiano. I materiali raccolti (manoscritti, documenti, articoli, fotografie e disegni), provenienti da numerosi Archivi e Collezioni private, testimoniano l'ibridazione tra la rappresentazione, di Tobino e degli altri protagonisti di Maggiano, artistica e letteraria della malattia, con il suo corrispettivo studio medico-scientifico, creando percorsi di interesse per le ricerche delle Medical Humanities.

Dall’Alma Mater al mondo. Dante all’Università di Bologna

La mostra virtuale "Dall’Alma Mater al mondo. Dante all’Università di Bologna" riproduce e arricchisce i contenuti della mostra fisica organizzata presso la Biblioteca Universitaria di Bologna da ottobre a dicembre 2021, con il proposito di valorizzare il contributo dei Professori bolognesi allo studio di Dante. Il progetto consente di arricchire la mostra di nuovi pezzi originali, esclusi nelle bacheche per motivi di spazio, e di esplorare l'intero corredo delle immagini, in modo da valorizzare per ogni libro o manoscritto non solo le copertine o le singole carte ma molti altri aspetti, dagli indici e i frontespizi ad interi capitoli, fino a dettagli come disegni e illustrazioni.

De rerum natura

DRN è una mostra virtuale dedicata alla ricezione del De rerum natura di Lucrezio nell’arte e nella letteratura contemporanea: raccoglie pertanto materiali eterogenei (testi, illustrazioni, istallazioni, libri d’artista, traduzioni poetiche, film, opere musicali, performances) al fine di elaborare percorsi transmediali volti a indagare, a partire dal poema lucreziano, l’interazione tra opera poetica, filosofia e arti visive. Tale progetto rappresenta dunque un modo innovativo di esplorare la relazione tra didattica e ricerca, con significative ricadute anche in ambito di terza missione.

Lucretia Estensis de Borgia. Tra biografia e narrazione nelle carte dell'Archivio di Stato di Modena

La mostra virtuale, dedicata alla duchessa Lucrezia Borgia (1480-1519) figlia del pontefice Alessandro VI e sorella del celeberrimo Cesare Borgia, propone una rassegna di documenti, custoditi presso l'Archivio di Stato di Modena, riguardanti la biografia, anche politica, della duchessa. Il progetto s' inserisce nel novero delle operazioni storiografiche atte a restituire alla Borgia, controversa figura femminile, un ritratto fedele e veritero, lontano dalle calunnie che ne hanno caratterizzato la primissima ricezione, tra romanzo e verità storica.